SOUNDAY TIMES


Pubblicazione sul mondo del sound design
...da nessuna parte mai si mutano i modi musicali senza un mutamento delle leggi fondamentali dello stato.

Damone cit. da Platone

Twin Peaks

Una colonna sonora da brividi

img

Ci sono alcune domande che i telefili si sono posti nella loro attività preferita e quotidiana sul divano segnando e distinguendo le varie generazioni (di spettatori) e le varie età (televisive): "chi ha sparato a J.R. di Dallas?", "chi è il macellaio in Nip/Tuck?" e "chi sono gli Altri in Lost?"; ma su tutte, l'interrogativo "chi ha ucciso Laura Palmer in Twin Peaks?" regna sovrano. Tuttavia, se le domande precedenti rimangono esclusivamente sul piano narrativo, del plot, coinvolgono cioè l'interesse che gli autori hanno saputo creare nell'intreccio della story, non è possibile invece dissociare Laura Palmer e il suo caso dalle note ipnotiche e dai vocalizzi di Julee Cruise (che compare anche in una sequenza come attrice, nella veste di cantante sul palco del Roadhouse) e al contempo dalle atmosfere musicali malate e inquietanti che Angelo Badalamenti ha costruito per questo gioiello che Lynch (assieme a Mark Frost, sceneggiatore, tra le altre cose, della mitica serie poliziesca Hill Street Blues, da noi passato come Hill Street - Giorno e Notte) ha realizzato per la televisione.

Il cadavere avvolto nel cellophane sputato dalle cascate del tranquillo paese affacciato sulle coste del Pacifico, a poche miglia dalla frontiera canadese, il soffio gelido del vento che soffia tra i Douglas Firs, gli alberi che tanto attirano l'attenzione dell'investigatore Dale Cooper (un grande e giovane Kyle Mac Lachlan, pre Sex and the city, Desperate Housewifes e In Justice), il rumore della segheria, sfondo sonoro alle attività del piccolo paese, le ombre del bosco e il verso dei gufi ("I gufi non sono quello che sembrano") che accompagnano gli incontri notturni e le doppie vite di tutti i protagonisti del serial, tutti questi elementi diventano un unicum con la colonna sonora, prendono vita e vengono accompagnati da temi musicali che tipizzano la scena, l'atmosfera e il personaggio.

Di culto sono le scene ambientate nella Red Room, una stanza in un mondo parallelo, in cui Cooper viene a contatto con il soprannaturale: qui incontra un nano che gli fornisce indizi sotto forma di frasi sconnesse ottenute registrando le voci degli interpreti al contrario per poi montarle in maniera normale, ottenendo un linguaggio appena comprensibile ma surreale e inquietante, per poi mettersi a ballare su un pezzo Jazz in modo scomposto.


Per provare l'efficacia delle atmosfere di Badalamenti nel rendere la straniante quotidianità che pervade il telefilm, provate a chiudere gli occhi e ascoltare il tema di questo pezzo, chiave musicale dell'intera serie, Laura Palemr's theme. Laura Palmer è una diciassettenne reginetta del liceo di Twin Peaks, studentessa modello di giorno e dedita alle droghe e al sesso sfrenato di notte. Il tema del doppio è ovunque. Nella musica, nel paesaggio, nei personaggi...anche il padre non è in fondo quello che sembra...

Articoli correlati: